Formazione continua in ambito didattico pedagogico Laurea in Scienze dell'Educazione voto 102/110 Laureanda in Scienze della Formazione Primaria iscritta al 4 anno a.a.20/21 : 924 29/08/2020 - 20:38 : Perico Isabella : Laureando/a in Scienze della Formazione primaria : no Il Corso di studi magistrale della Classe LM-85 bis prevede la formazione di insegnanti per la scuola dell'Infanzia e primaria. Il Referente ha il compito di segnalare agli altri docenti eventuali elementi di difficoltà, di comunicare alla Commissione eventuali problemi da affrontare, coinvolgendo gli uffici competenti, e di fornire un contributo personale di assistenza allo studente per rendere più agevole il percorso di studio.I servizi di Ateneo agli studenti disabili e DSA sono i seguenti:- Servizio di tutorato alla pari, per un massimo di 100 ore per anno accademico, finalizzato al superamento delle barriere didattiche ed architettoniche. Capacità di apprendimento (learning skills).A conclusione del percorso formativo, il laureato ha maturato attitudini e atteggiamenti descritti di seguito in termini di capacità di apprendimento, nella prospettiva del lifelong learning:- interesse per la professione dell'insegnare e desiderio di migliorarne la conoscenza e la pratica;- attitudine ad ampliare la cultura psico-pedagogica e metodologico-didattica di base, in relazione anche all'avanzamento della ricerca scientifica;- motivazione ad approfondire i contenuti e i metodi di studio dei saperi della scuola, con un aggiornamento ricorsivo dei repertori disciplinari;- disponibilità ad esplorare le prospettive della ricerca didattica, metodologica, tecnologica e mediale condotta in ambito nazionale e internazionale, con apertura ai temi della pedagogia e della didattica speciale;- attitudine ad autosostenere e ad autoregolare il proprio apprendimento tramite la ricerca bibliografica autonoma e la partecipazione interessata a opportunità di formazione e diaggiornamento professionale. E’ pubblicato l’elenco delle domande di ripescaggio presentate in data utile. Contatti e recapiti:Ufficio Orientamento e Programmi Internazionalihttps://www.unibg.it/node/7219. Il Corso di Scienze della formazione primaria, abilitante quinquennale a ciclo unico, si completerà con l'a.a. L'accesso a tali risorse potrà avvenire per gli studenti del Corso a cavallo tra il quarto e il quinto anno. Metodi didatticiLezioni in aula con lingua target inglese, attività collaborative anche a distanza, tramite piattaforma moodle, lavori di gruppo e individuali coordinati anche dalla presenza dei tutor di laboratorio.Lingua di insegnamento: inglese e italiano. La valutazione avverrà attraverso prove di verifica oggettive, prove di tipo qualitativo (analisi di caso, simulazioni, incident, risoluzione di problemi reali, …) strettamente connesse a tutte le attività formative previste (insegnamenti, laboratori, tirocinio diretto e indiretto). Educatore scolastico infanzia e primaria a sostegno di alunni con difficoltà di apprendimento e relazionali : 406 28/09/2019 - 10:42 : Alietti Serena : Laureando/a in Scienze della Formazione primaria .. Iscritta al Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria presso Università degli Studi di Bergamo : 407 Questi rapporti di collaborazione fra scuola "militante" e università sono resi possibili e favoriti dal lungo e consolidato rapporto che lega il Centro di ateneo per la Qualità dell'insegnamento e dell'Apprendimento (CQIA), di cui il Dipartimento di Scienze umane e sociali è attivo promotore, con le scuole della provincia, con l'UST di Bergamo e con l'USR della Lombardia; le attività di ricerca e formazione, ormai decennali, che il CQIA ha condotto con le scuole del territorio provinciale e regionale rappresentano il solido presupposto scientifico e professionale, che permette di realizzare un percorso formativo in reale alternanza formativa tra scuola e università, oltre che nella collaborazione istituzionale prevista dalla norma. Didattica I (laurea magistrale a ciclo unico in Scienze della formazione primaria, primo anno, 48 ore, primo semestre in presenza). AccessoRequisito d'accesso al corso di Laurea in Scienze della Formazione primaria è il possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o analogo titolo conseguito all'estero riconosciuto idoneo.Il Corso di Laurea Magistrale è a numero programmato. Contenuti Il laboratorio di lingua inglese consta di 18 ore di didattica laboratoriale, da dedicare alla produzione di una presentazione e di un elaborato finale. IT; Form di ricerca. L'accesso al corso di laurea magistrale in Scienze della Formazione primaria richiede il possesso dei risultati di apprendimento previsti dai percorsi di studio del secondo ciclo di istruzione. A partire da questo elemento di sintesi, ogni docente del corso è invitato ad esplorare l'attuazione dell'alternanza formativa che lo studente ha realizzato con riguardo al singolo insegnamento considerato; tiene conto quindi sia dell'apprendimento concettuale specificato nella parte di programma di insegnamento dedicata alle verifiche, sia della declinazione e della maturazione degli apprendimenti in contesto pratico e laboratoriale.In questo quadro, il contributo che i tutor accoglienti possono dare è di fondamentale importanza e contribuisce in solido all'accertamento di cui sopra. Tematiche sviluppate durante il tirocinio possono essere riprese ed ampliate nella tesi che costituisce la prova finale.Al termine del percorso i laureati conseguono l’abilitazione all'insegnamento per la scuola dell’infanzia e primaria. Struttura e verifica del profittoIn itinere: questionario riguardante i contenuti del corso e il materiale e gli articoli analizzati in classe.Il superamento del test finale prevede la progettazione, in base alle indicazioni fornite dal docente durante le lezioni e mediante le attività guidate svolte in collaborazione con i tutor di laboratorio, di una breve attività in lingua inglese per allievi della scuola dell’infanzia e/o primaria attraverso l’impiego delle TIC. Per le regole di scelta degli insegnamenti non obbligatori consultare il, Commissione di Ateneo per l'Internazionalizzazione-CAI, Docenti Coordinatori alla Mobilità Internazionale, Proprietà intellettuale - Brevetti, Diritti, Marchi, Esito Valutazione Laureati L19 Per Ammissione Al 3 Anno 20-21, Elenco Ammessi Test Scienze Formazione Primaria, INTEGRAZIONE BANDO DI AMMISSIONE SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA 2020-2021, BANDO DI AMMISSIONE SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA 2020-2021, Autocertificazione per ammissione al 3 ANNO da L-19, PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO CON LABORATORIO *, STORIA DELLA PEDAGOGIA E DELLE ISTITUZIONI EDUCATIVE *, GEOGRAFIA E DIDATTICA DELLA GEOGRAFIA CON LABORATORIO *, ISTITUZIONI E DIDATTICA DELLA MATEMATICA CON LABORATORIO *, LETTERATURA ITALIANA CONTEMPORANEA CON LABORATORIO *, MEDIAZIONE DIDATTICA E STRATEGIE DI GRUPPO CON LABORATORIO E LEGISLAZIONE SCOLASTICA *, BIOLOGIA: FONDAMENTI E DIDATTICA CON LABORATORIO *, DIDATTICA DELLA LETTURA E DELLA SCRITTURA CON LABORATORI E METODOLOGIA DELLA RICERCA PEDAGOGICA *, EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE CON LABORATORIO *, FISICA E DIDATTICA DELLA FISICA CON LABORATORIO *, PROGETTAZIONE DIDATTICA E VALUTAZIONE CON LABORATORIO *, DIDATTICA DELLA LETTERATURA E DIDATTICA DELLA LINGUA ITALIANA COME L2 CON LABORATORIO *, DIDATTICA DELLA MATEMATICA CON LABORATORIO *, LETTERATURA PER L'INFANZIA CON LABORATORIO *, PROVA IDONEITA' DI LINGUA INGLESE DI LIVELLO B2 *, MUSICA E DIDATTICA DELLA MUSICA CON LABORATORIO *, PSICOLOGIA DELLE DISABILITA' E DELL'INTEGRAZIONE *. nella scuola dell’infanzia e primaria; l’inclusione e i bisogni educativi speciali; documenti del Collegio dei docenti e del Consiglio di classe per favorire la comunicazione scuola-famiglia. Non solo; dal secondo anno in via sperimentale, e poi dal terzo anno, il Corso prevede una forma di tutorato tra pari per la quale saranno gli studenti del terzo anno (selezionati tramite 10 appositi bandi 150 ore) ad aiutare quelli del primo a lasciare traccia del proprio percorso ai fini della compilazione del portfolio, accompagnandoli anche nelle attività laboratoriali annesse agli insegnamenti n università e a scuola. Il tirocinio ha ancor una specifica declinazione inclusiva che si realizza negli anni dal terzo al quinto di corso con riconoscimento crediti ad hoc.Per gli studenti lavoratori sono previsti percorsi personalizzati volti a favorire l'analisi critica delle loro prassi lavorative, sempre in coerenza con le competenze attese al termine del percorso di tirocinio.I docenti nominati come referenti per il coordinamento dei laboratori con i tirocini dal Consiglio del Cds ricevono regolarmente gli studenti e collaborano sistematicamente con i tutor organizzatori e coordinatori e il Presidente del Cds alla realizzazione, al monitoraggio e alla valutazione del percorso di tirocinio curricolare degli studenti, anche in relazione ai laboratori annessi svolti nelle scuole (esterno) a partire dal primo anno di corso e al tutorato tra pari previsto tra gli studenti del terzo (avviato sperimentalmente nel secondo) e il primo anno di studio.Per svolgere l'attività di tirocinio gli studenti iscritti al secondo anno devono presentare un'apposita domanda, nei termini e secondo le modalità che vengono appositamente indicate sul sito. I laureati della classe LM85 bis Scienze della formazione primaria, al termine del percorso quinquennale, devono aver acquisito solide conoscenze nei diversi ambiti disciplinari previsti nelle Attività formative di base (psicopedagogiche e metodologiche-didattiche), nell'Area 1 (I saperi della scuola) e nell'Area 2 (Insegnamenti per l’accoglienza di studenti disabili). Ecco i prossimi appuntamenti per studenti e matricole. ; Didattica II (laurea magistrale a ciclo unico in Scienze della formazione primaria, secondo anno, 42 ore + 18 ore laboratorio con … Laureando/a in Scienze della Formazione primaria : 1344 03/07/2020 - 19:14 : Croce Elisa : Diploma Magistrale o Diploma di Liceo Socio-Psico-Pedagogico : 1399 13/07/2020 - 13:35 : Cecchetti Sara : Laureando/a in Scienze della Formazione primaria : 1420 16/07/2020 - 18:08 : SANCHEZ MOREIRA Il Dottorato di ricerca a Milano-Bicocca: perché? E’ pubblicato l’elenco delle domande di ripescaggio presentate in data utile. https://lm-sfp.unibg.it/it/studiare/servizio-di-supporto-e-consulenza-15... http://www.unibg.it/internazionalizzazione/mobilita/studio/erasmus. Il raggiungimento di questi risultati di apprendimento avviene attraverso una costante circolarità, organizzativa e temporale, tra insegnamenti, laboratori, tirocinio diretto e indiretto e studio individuale. Ambito disciplinare: laboratorio di lingua inglese III Obiettivi formativiIl laboratorio di lingua inglese I si prefigge i seguenti obiettivi: - Consolidare e approfondire competenze di produzione scritta e orale in lingua inglese, attraverso l’analisi di articoli, l’osservazione e, successivamente, la redazione di documenti, quali email o circolari, atti a favorire una efficace comunicazione scuola-famiglia nel contesto della scuola dell’infanzia e primaria, in particolare con alunni e famiglie che, nell’attuale panorama multiculturale, avessero più familiarità con l’inglese che con l’italiano.- Conoscere e comprendere l’organizzazione scolastica, in un’ottica comparativa, di scuole dell’infanzia e primaria italiane, del Regno Unito e di paesi anglofoni dal punto di vista ordinamentale e progettuale e il rispettivo profilo formativo in particolare per quanto concerne le prassi e le risorse impiegate per favorire l’inclusione.- Progettare, durante le ore di attività laboratoriale con i tutor, un questionario per poter svolgere interviste in lingua inglese circa le risorse e le pratiche inclusive messe in atto nelle istituzioni scolastiche in cui si svolgerà il tirocinio. Struttura e verifica del profittoIn itinere: brevi esercizi di comprensione orale e scritta e di verifica dei contenuti del corso e di conoscenze lessicali e grammaticali della lingua inglese.Il superamento del test finale prevede l’elaborazione di una breve presentazione di cinque slide, preparata da gruppi di studenti con la guida dei tutor di laboratorio, tramite il materiale fornito a lezione, oltre ad un colloquio finale individuale a partire da un breve elaborato, corredata di una tabella, che illustri, in termini quantitativi e qualitativi, l’impiego di termini in lingua inglese nelle istituzioni scolastiche in cui è stata svolta l’osservazione sul campo. prevista l'opportunità di realizzare attività laboratoriali mirate presso le scuole del territorio fin dal primo anno,L'integrazione delle stesse con gli insegnamenti, il tirocinio, i laboratori ordinamentali e il portfolio personale è illustrata nell'allegato al quadro.Lo svolgimento dei laboratori, secondo lo stile cooperativo definito nel tavolo con il territorio, si realizza nella forma del peer tutoring per favorire l'ingresso degli studenti del I anno nelle scuole, segnalate nella Convenzione quadro dell’Ufficio Scolastico Regionale, ove già realizzano il tirocinio gli studenti e le studentesse del III anno.Il tirocinio curricolare di Scienze della formazione primaria, per essere riconosciuto valido ai fini del conseguimento dei CFU previsti, deve essere realizzato in scuole che applichino l'ordinamento scolastico italiano e che rientrino quindi nel novero delle scuole pubbliche (statali e non statali paritarie).Per questa ragione, il CdS ha deliberato a favore di un possibile accorpamento del tirocinio curricolare previsto per il terzo e quarto anno di corso se svolto all'estero (per un tempo quindi non inferiore ai tre mesi), sempre previa approvazione del Consiglio di Corso di studi.In allegato il link alla pagina dedicata ai tirocini che comprende la relativa documentazione, incluso il nuovo Regolamento di tirocinio. I crediti relativi alla lingua inglese sono distribuiti in modo uniforme per ciascun anno di corso.I laboratori didattici sono sempre caratterizzati da un approccio esperienziale, allo scopo di immergere i futuri insegnanti in esperienze formative coerenti coi modelli e con gli approcci proposti nei corsi stessi.Nel nuovo corso di laurea magistrale in Scienze della formazione primaria i laboratori sono collegati e integrati ai singoli corsi accademici, secondo criteri di continuità e coerenza.Il tirocinio, infine, verrà suddiviso nei singoli anni secondo un numero di crediti progressivamente crescente. I tirocini curriculari all’estero attivati da studenti del Corso di studio nell'anno accademico 2019/2020 sono 5, di questi due non sono stati svolti a causa dell’emergenza COVID-19.Tutti i tirocini all'estero sono stati strettamente monitorati. Per favorire questa pluralità di approcci il Corso di Laurea Magistrale si sta muovendo come segue:- dispone di un docente referente per l'internazionalizzazione, che lo è anche per il Dipartimento (prof. Ilaria Castelli);- ha consolidato contatti con diverse università che siano a loro volta in stretta correlazione con le scuole del territorio (in particolare Libre Université de Bruxelles, Belgio, Haute École Léonard De Vinci - Ecole Normale Catholique du Brabant Wallon" (ENCBW) a Louvain-La-Neuve (Belgio), Università di Pau (Francia), per circoscrivere l'elenco ai soli contesti formativi francofoni, di cui si dirà oltre:- ha effettuato un Visitng in ingresso e un Visiting in uscita presso l'Università degli studi di Cordoba (Spagna), con definizione di azioni concrete e possibilità di accoglienza presso le scuole del territorio di nostri studenti;- ha realizzato accordi con scuole bilingue lombarde (si veda sezione tirocini e stage) per permettere agli studenti di conoscerne le peculiarità fin dal primo anno di corso.Le ragioni di cura della lingua inglese sono quelle di ordinamento, con particolare attenzione a garantire una formazione degli studenti diretta alla glottodidattica, all'accesso a riviste scientifiche di aggiornamento e formazione professionale, all'utilizzo della lingua quale veicolare per i contatti con le numerose famiglie (genitori di alunni) di origine non italiana che prediligano l'inglese.Le rilevazioni dei flussi migratori nel territorio bergamasco evidenziano tuttavia un elevato numero di famiglie migranti francofone, ed una non trascurabile presenza ispanoamericana di lingua spagnola.Per la scuola di domani sarà irrinunciabile che i futuri maestri formatisi nella nostra università sappiano relazionarsi con famiglie e bambini di provenienza varia, e la scelta di stabilire contatti diretti prioritariamente con contesti non sol anglofoni ma soprattutto francofoni e di lingua spagnola risiede nell'aderenza alla realtà immigratoria del territorio.Per le scelte libere del terzo anno di corso è stato previsto un ampliamento dell'offerta di insegnamenti in relazione alla lingua tedesca francese o spagnola, suggerendo agli studenti di effettuare tale opzione formativa in occasione del conseguimento dei crediti a scelta libera e delle esperienze all'estero. Guarda il profilo completo su LinkedIn e scopri i collegamenti di elena e le offerte di lavoro presso aziende simili. Servizi agli studenti Disabili e portatori di DSA (Ateneo e Dipartimento)Per facilitare il contatto con gli studenti diversamente abili e/o con DSA, oltre ad un Prorettore di Ateneo, il Dipartimento ha nominato la Prof.ssa Serenella Besio, ordinario di M/PED-03 e docente del Corso, referente con il quale lo studente e/o i familiari possono prendere contatti per concordare sia le attività formative dell'anno in corso, sia gli interventi da realizzare. Secondo i dati statistici relativi agli anni passati riferiti ai laureati di altri Atenei (i primi laureati SFP UniBg infatti saranno nell'anno accademico 2020-2021), confermati per altro anche negli incontri di consultazione condotti con le reti delle scuole e delle istituzioni territoriali, la quasi totalità dei laureati in Scienze della Formazione Primaria viene immediatamente inserita nel mondo lavorativo con supplenze temporanee o annuali nelle scuole pubbliche statali, o con contratti a tempo determinato e indeterminato nelle scuole paritarie (si vedano i dati richiamati nella sezione dedicata).Gli studenti del Cds hanno modo di entrare in contatto diretto con le scuole già a partire dal I anno di corso, in occasione degli insegnamenti che prevedono laboratori annessi all'interno delle scuole; nel II anno di corso prendono avvio le attività di tirocinio diretto e indiretto con l'inserimento di ciascuno studente in sezioni della scuola dell'infanzia, in classi della scuola primaria e, per esperienze piu' brevi, in altri contesti educativi (es. Dispone di una casella di dominio.unibg dedicata (susorientamento@unibg.it).Per il Corso di studi è disponibile una casella di posta elettronica dedicata sia per la fornitura di informazioni orientative specifiche, sia per fissare incontri di approfondimento delle esigenze e situazioni personali (formazioneprimaria@unibg.it). La durata potrà essere variabile, così come l'ambito di realizzazione, ciò nel rispetto delle scelte personali.Ogni studente è invitato a vivere quest'esperienza in un contesto di visita che sia per lui maggiormente stimolante; così esso potrà essere identificato in contesti anglofoni per valorizzare l'apprendimento della lingua, ma anche nel contesto di Paesi emergenti per cogliere il potenziale di sviluppo sociale che può nascere tra i banchi di scuola, nei Paesi oggetto di Programmi di Cooperazione internazionale o di provenienza di molti degli alunni che si trovano oggi sul territorio bergamasco, o ancora nei Paesi nei quali il sistema educativo e di istruzione presenti tratti di eccellenza. Tale operazione va effettuata tassativamente, DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE PER LA FORMAZIONE "RICCARDO MASSA", LETTERATURA ITALIANA CONTEMPORANEA (L-FIL-LET/11), PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E PSICOLOGIA DELL'EDUCAZIONE (M-PSI/04), MUSICOLOGIA E STORIA DELLA MUSICA (L-ART/07), SOCIOLOGIA DEI PROCESSI CULTURALI E COMUNICATIVI (SPS/08), DIDATTICA E PEDAGOGIA SPECIALE (M-PED/03). Tale attenzione formativa si scontra innegabilmente con i vincoli temporali e ordinamentali, che nascono dalla non ancora ottimale conciliazione tra lavoro, studio, frequenza e analisi critico-riflessiva delle pratiche guidata in ambito universitario. test e posti a scienze della formazione primaria Il test d'accesso si svolgerà il giorno 13 settembre alle ore 11:00 ed avrà una durata di 150 minuti. I contenuti che saranno trattati durante le ore di didattica in aula, sempre secondo una prospettiva interattiva e laboratoriale, sono i seguenti: - Le competenze chiave per l’apprendimento permanente; il Piano Nazionale Scuola Digitale; le TIC per l’insegnamento della lingua inglese nella scuola dell’infanzia e primaria; le competenze digitali; iniziative di gemellaggio a distanza e eTwinning. L'attività di assistenza per lo svolgimento di periodi di tirocini e stage è gestita in forma coordinata dal dr. Giacomo Rota, tutor Organizzatore dei tirocini SFP, che coordina un team di tutor coordinatori, dalle responsabili del coordinamento dei tirocini con i laboratori di SFP prof.sse e Evelina Scaglia e Chiara Giberti e il prof. Antonio Borgogni, docente referente del Dipartimento di afferenza e dal Servizio Orientamento e Programmi Internazionali, struttura centrale di Ateneo. consapevolezza della responsabilità culturale, professionale, etica e deontologica propria del docente e dei doveri che ne conseguono nei confronti degli allievi e delle loro famiglie, dei componenti dell'istituzione scolastica, dei soggetti e delle istituzioni presenti nel territorio;2. capacità di individuare e raccogliere gli elementi indispensabili per identificare i bisogni formativi e le potenzialità educative che contraddistinguono ciascun allievo e gruppi di allievi, allo scopo di individuarne le priorità e le specificità e di offrire percorsi formativi rispondenti;3. capacità di analizzare, problematizzare e valutare le diverse situazioni educative, sapendo distinguere e/o connettere al fine della loro evoluzione le prospettive di analisi e intervento proprie delle scienze umane e di quelle pedagogiche e didattiche;4. capacità di riflessione, di autovalutazione e di alimentazione continua della propria preparazione professionale;5. consapevolezza della necessità di costruire, attraverso la riflessività continua dalla, nella e per la pratica, un documentato repertorio personale rispetto alla progettualità e all'azione educativa condotta, anche allo scopo di confrontarsi criticamente con colleghi e dirigente, in una reale dimensione di comunità di pratica;6. consapevolezza della necessità di mantenere in costante rinnovamento la propria professionalità attraverso lo studio personale, la ricerca e la sperimentazione, il confronto tra pari e con esperti. 249/2010)I laureati nel Corso di Laurea Magistrale della classe LM-85 bis devono aver acquisito solide conoscenze nei diversi ambiti disciplinari oggetto di insegnamento e la capacità di proporle nel modo più̀ adeguato al livello scolastico, all'età̀ e alla cultura di appartenenza degli allievi con cui entreranno in contatto. e delle modalità di accesso da parte della prof.ssa Ilaria Castelli, delegata per l’orientamento di Scienze della Formazione Primaria; le risposte a quesiti e dubbi da parte dei partecipanti, sempre gestita dalla prof.ssa Ilaria Castelli.Il secondo, svoltosi il 10 Giugno 2020, è consistito nella messa online di un video realizzato dalla prof.ssa Ilaria Castelli, delegata per l’orientamento di Scienze della Formazione Primaria, in collaborazione con le docenti prof.ssa Evelina Scaglia e prof.ssa Chiara Giberti, e con due studenti del progetto delle 150 ore, con l’obiettivo di comunicare la complessità e la ricchezza del Corso di Studi.Link al video del Digital Open Day: https://www.youtube.com/watch?v=HXYqlQN5kd4. ), promuovendo il loro coinvolgimento diretto nelle attività di insegnamento con un ruolo via via sempre più autonomo, sostenuti e supervisionati dai docenti universitari e dai tutor coordinatori e organizzatori, insegnanti e/o dirigenti, operanti con distacco presso l'Università.Il Cds, come illustrato in altra scheda, ha già stabilito convenzioni con numerose istituzioni scolastiche di Bergamo e viciniori. L’Open Day specificamente dedicato a Scienze della Formazione Primaria, previsto per il 7 Maggio 2020. Ciò che accomuna, in un processo progressivo che è solo all'inizio, vista la breve vita del Corso, ogni accertamento effettuato è che il suo punto di partenza e il suo punto di arrivo si raccolgono nel dispositivo di supporto identificato per gli studenti e le studentesse SFP nel Portfolio, oggetto che ha proprio una valenza valutativa, autovalutativa e orientativa. Il corso di laurea magistrale è a numero programmato. Scienze della formazione primaria Responsabile: Prof. G. Bertagna Ampio spazio è stato dedicato alla testimonianza di ex-studenti che hanno svolto l'esperienza Erasmus, per sensibilizzare maggiormente all'utilità e al valore di questa esperienza. Per permettere un più efficace incontro tra scuole e studenti/laureati, l'Ateneo di Bergamo mette a disposizione due portali:- ESSE3 (sistema gestionale adottato dall'Ateneo anche per altri processi) per le procedure amministrative necessarie per il convenzionamento, l'attivazione di un tirocinio o uno stage e per la pubblicazione gratuita di offerte di tirocinio o di lavoro (http://sportello.unibg.it/esse3/Home.do)- MPS per l'acquisizione gratuita delle liste dei propri laureati (http://stage.unibg.it/);L'Ateneo di Bergamo incentiva la mobilità all'estero, anche laddove il tirocinio non sia previsto nel piano di studi. Sono 550 gli studenti, in prevalenza donne, che questa mattina hanno sostenuto il test d’ingresso al corso di laurea in Scienze della formazione primaria (180 posti disponibili) presso la “cittadella accademica” del Lazzaretto di Bergamo, allestita per rendere sicuri e accessibili test e attività accademiche previste nel mese di settembre dall’Università degli studi di Bergamo. https://www.esteri.it/mae/it/politica_estera/cultura/scuoleitalianealles... http://www.unibg.it/programmi-di-scambio-extra-eu, http://www.associationcomenius.org/spip.php?article7&lang=fr, Elenco degli insegnamenti attivi del corso, Professori di scuola primaria - 2.6.4.1.0, Professori di scuola pre-primaria - 2.6.4.2.0. L'attività di orientamento e tutorato in itinere è gestita in forma coordinata dal Consiglio di Corso di studio e dal Servizio Orientamento e Programmi internazionali struttura centrale di Ateneo che opera attraverso la Commissione Orientamento.L'attività è progettata e verificata con cadenza bimestrale tramite riunioni della Commissione Orientamento, presieduta dal Prorettore Delegato all'Orientamento Universitario di Ateneo.In particolare il Dipartimento di Scienze Umane e Sociali cui afferisce il corso di studio ha individuato quale docente referente il prof. Antonio Borgogni. Il Consiglio di Corso, anche per la specificità propria dell'oggetto del suo insegnamento professionalizzante, ha deliberato in occasione del CdS fin dal primo anno di istituzione del Corso l'intento di dedicare adeguata attenzione alla tematica, mettendola a fuoco come segue:- La connotazione abilitante del Corso richiede che tutti i docenti e i tutor riservino il dovuto rilievo alla verifica in itinere non solo degli apprendimenti degli studenti, ma anche della progressiva maturazione in loro di un orientamento alla professione attento ai problemi delle sue dimensioni deontologiche, relazionali e tecnico-professionali (comprese quelle relative a disabilità, Bes e Dsa); in questo senso una attenta cura in fase di redazione e una altrettanto attenta lettura del portfolio dello studente universitario, deliberato dal Consiglio, potrà favorire l'accurato presidio del percorso nella direzione indicata ed, eventualmente, anche un tempestivo intervento in caso emergano problematiche impreviste o non segnalate; un ruolo importante di accompagnamento personalizzato al Portfolio è riservato ai tutor che hanno in carico un numero contenuto di studenti.- In coerenza con i contenuti del corso, già a partire dai laboratori annessi agli insegnamenti del primo anno ma ancor più nell'ambito del tirocinio ordinamentale che viene avviato dal secondo anno, sono previste e all'uopo preparate specifiche osservazioni e declinazioni operative per alunni con disabilità, DSA e/o BES (anche con forme di affiancamento e peer tutoring), al fine di demedicalizzare l'approccio al problema e rinforzare il proprium pedagogico-didattico-relazionale.- Il portfolio diviene quindi anche occasione per registrare, nelle sezioni specificamente dedicate, osservazioni e riflessioni relative alle forme dell'integrazione e all'inclusione rilevate a scuola nell'esperienza del tirocinio e dei laboratori.- In presenza di corsisti con disabilità, BES e DSA, la personalizzazione del percorso, già prevedibile, per ciascuno studente, nel rispetto dell'ordinamento, tiene conto di questa peculiarità sia nelle modalità di insegnamento agite dai docenti, sia nelle modalità di verifica degli apprendimenti, che vengono concordate con lo studente nel rispetto dell'eventuale PDP redatto con lo studente dall'ufficio preposto. ... Il corso ti preparerà a diventare insegnante per le scuole dell’infanzia e primaria. Sebbene il corso, con la sua natura abilitante, preveda un naturale sbocco nell'insegnamento nel Paese, vista la sua caratterizzazione aperta all'internazionalizzazione (come si evince nella sezione dedicata, e nella scelta dai promuovere con molta determinazione tra le scelte libere del terzo anno l'affronto di una seconda lingua straniera, oltre all'inglese) questa prospettiva risulta coerente con le peculiarità di SFP.Più che a iniziative diffuse e ad ampio spettro, la futura azione di promozione al lavoro specifica per SFP deve piuttosto rivolgersi al tessuto scolastico territoriale, in particolare alle scuole non statali (ove si può accedere senza concorso pubblico) e alle scuole statali per supplenze brevi/annuali o, previo superamento del Concorso ordinario, per incarichi a tempo indeterminato.Sebbene l'Ateneo e il Dipartimento SUS promuovano il progetto di Apprendistato in Alta Formazione, operando una curvatura della didattica per studenti che vengano inseriti in azienda con tale contratto, per il Corso in oggetto, fortemente orientato all'alternanza formativa e quindi naturalmente predisposto all'apprendistato come metodologia formativa, ciò si rivela difficile perché l'apprendistato di terzo livello non è previsto nelle amministrazioni statali (scuole), né è previsto nell'accordo sindacale integrativo ADASM_FISM, federazione di afferenza della maggior parte delle scuole dell'infanzia non statali del territorio, e per le altre sigle sindacali delle scuole primarie non statali.Per queste ragioni l'apprendistato viene così espresso, come illustrato in altre schede, nella sua peculiarità formativa più che contrattuale.

Un Episodio Divertente Della Mia Infanzia, Urbanistica Scuola Media, Come Prepararsi Alla Prima Media, Il Tempo Frasi, Pablo Escobar Patrimonio Dopo La Morte, Coniugazione Verbi Inglese, Canzoni Da Mettere Nelle Storie 2020 Italiane, Quanto Si Perde Con Quota 102, Ti Prometto Migliore Amica Tumblr, Bf 109 Vs Spitfire,