Salve, vorrei sapere se queste frasi sono corrette oppure no (dal punto di vista dei tempi verbale) e le differenze: 1) Pensavo che si sarebbe sistemato tutto quando il bambino sarebbe nato. Riguardo al verbo risultare, ok per il congiuntivo e quindi va usato anche se dico dagli esami risultava che avessi un osso leso? ( di aver fatto lo stage), Cara Kris, sarebbe meglio usare il condizionale: “lo si potrebbe considerare”. E questa frase corretta? Grazie mille, Cara Franca, nel caso in cui “quando” significhi “se” è corretto usare il congiuntivo trapassato (se fossi venuto, l’avresti visto), mentre nella frase con il condizionale passato il valore è solo temporale. Un saluto Prof. Anna. Grazie Per quanto riguarda la sconda frase è corretto sia usare il condizionale passato che in questo caso serve a esprimere un futuro nel passato, mentre se si usa il congiuntivo la frase introdotta da “quando” ha sia un valore temporale sia condizionale, cioè l’azione è considerata probabile, non del tutto sicura. Prof. Anna. Prof. Anna, Ė giusta la frase: se sapessi che mio figlio mancasse di rispetto…, Cara Loredana, puoi usare l’indicativo: “se sapessi che mio figlio manca di rispetto”. 4) Pensavo che si sistemasse tutto quando il bambino fosse nato. Buonasera Prof. Anna: tempo fa parlammo del verbo evidenziare e del verbo risultare e mi è rimasto solo un piccolo dubbio sul verbo risultare: mi disse che andrebbe sempre usato il conguntivo, giusto? fosse o è piu corretto dire mi sono scordata come ci si sente dopo aver guardato un bel film ? 3. Prof. Anna. Prof. Anna, Salve Prof! A presto -sebbene abbia queste caratteristiche, si pensa che Renzo sia un personaggio dinamico. Quale frase è corretta : Prof. Anna, mi piace moltissimo questa pagina tante grazie, Cara Carolina, benvenuta su Intercultura blog, se hai dubbi o domande, non esitare a scrivermi. Cara Lidia, la frase è corretta. A presto oppure Grazie anticipatamente, Caro Stefano, il periodo che mi scrivi è corretto. Caro Riccardo, sarebbe meglio dire: “pensavo che non sapessi che le declinazioni in latino sono cinque”. Tu pensi che lei sia potuto /a venire? Un saluto Si usa il congiuntivo nelle frasi con la congiunzione que quando i verbi si riferiscono a un'opinione personale, a un sentimento sogettivo. Vedi la risposta a Charlie. Prof. Anna. Come mai non c’è nessuno che abbia scritto il nome giusto? Prof. Anna. Mi ha aiutato molto. Un’altra frase letta nello stesso racconto: “L’unica persona che sapeva dove fossi stata era….” Sbaglio o dovrebbe essere: Un saluto oppure “se avessi saputo che si INTENDEVA procedere…………..” USO DEL CONGIUNTIVO ITALIANO. Un saluto Primaria Classe quinta Italiano. E’ corretto, per esprimere un anteriorita’, usare l’indicativo presente assieme al congiuntivo imperfetto? Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, i dubbi sulla concordanza dei tempi tra reggente e subordinata sono sempre numerosi, oggi vedremo quali tempi verbali usare per esprimere il rapporto di contemporaneità. Salve, ho appena sentito un giornalista dire, riguardo una situazione passata data per certa: ….ma è normale che volesse prima accertarsi. Un saluto Sono molto contenta e vorrei svolgere anche altri esercizi. Certo di una sua risposta le porgo i miei più cordiali saluti. Tu pensi che io non sia voluto venire . Quali ausiliare usare? Prof. Anna. Temo che mi sia spiegato bene. Quindi gentile Prof. Anna la prima è grammaticamente sbagliata? Cara Prof. Anna, prof., Prof. Anna. Abbiamo soltanto un’altra lezione prima delle vacanze pasquali…”. Non è forse più corretto dire se mi garantisse di fare o se avessi la garanzia che facesse ? Per esempio nella frase: "Marco si chiedeva perché non, Il tempo imperfetto del congiuntivo si usa per esprimere. Viv, Cara Viv, la tua ipotesi è esatta. .Temiamo che (non esserci) più niente da fare buona serata e grazie. Non so se sono questi che ha considerato errori (se è questa la forma scritta la professoressa ha visto), forse avresti potuto scegliere meglio le parole per esprimere il concetto. Un saluto Che vada al diavolo! – se il verbo della frase principale è all’indicativo passato prossimo: • ho desiderato (ieri) che tu ieri sera venissi → contemporaneità; – se il verbo della principale è all’indicativo imperfetto: • desideravo (ieri) che tu ieri venissi  → contemporaneità; – se il verbo della frase principale è al condizionale presente: • vorrei (oggi) che tu oggi venissi → contemporaneità; • vorrei (oggi) che tu domani venissi → poteriorità; – se il verbo della principale è al condizionale passato: • avrei voluto (ieri) che tu ieri venissi → contemporaneità; • avrei voluto (ieri) che tu oggi venissi → posteriorità. Un saluto La saluto e le auguro buona serata. Davvero non ho capito :/ aiutami per favore Prova a farmi degli esempi. You just clipped your first slide! In order to help you memorize some of them, we created two categories: "Fare, Bere, Essere" - Congiuntivo imperfetto Me ne darebbe conferma, gentilmente? “Qualora avessimo avviato un esperimento all’interno del quale, tra i tanti, uno studente fosse/fosse stato/sia/sia stato/sarebbe stato affiancato da un professionista, che riuscirebbe (corretto?) A presto Caro Massimo, puoi usare l’indicativo “se sapessero che c’è un pezzo di torta in frigo”. Esercizio: le frasi concessive Distinguere il passato remoto dal congiuntivo imperfetto Esercizio: ripasso del congiuntivo Il congiuntivo e le regole di buona convivenza. Prof. Anna, È corretto scrivere : ” se tu sapessi che regalo tu sia per me”, Cara Monica, la frase che mi scrivi non è corretta, ma bisogna dire: “se tu sapessi che regalo tu sei per me”. salve Prof. Anna, la frase “…le quali hanno confermato la formazione di complessi che presentassero un asse di simmetria.” può essere considerata corretta? ” ma proprio non vuoi che io resti con il gusto della vittoria? Si tratta di un periodo ipotetico dell’irrealtà (qualora avessimo avviato un esperimento, lei riuscirebbe), le frasi introdotte da “del quale” e da “che” sono proposizioni relative. Se potesse andarti bene ti consegno subito il libro. Mi sembrano entrambe corrette: la prima indica contemporaneità, la seconda posteriorità, ma vorrei avere una Sua conferma. A presto A presto vorrei sapere se la seguente frase è corretta: “vi ho letto questo racconto per farvi capire che persona fosse (un tempo) Luca”. La cosa mi lascia molto perplessa e vorrei chiarimenti in merito… Prof. Anna. Un saluto Un saluto Per esempio nella frase: "Marco si chiedeva perché non potessi venire", non si capisce se si intende "tu" o "io", quindi è necessario scrivere "Mario si chiedeva perché tu non potessi venire". Un saluto la frase giista? Oppure non ha scritto ? In italiano il congiuntivo può essere usato sia in frasi subordinate che in frasi principali.. IL CONGIUNTIVO IN FRASI SUBORDINATE (quasi sempre introdotto da «CHE» o «SE»). Quale di queste tre forme è la risposta corretta (considerando che non si ha certezza di dove sia il ragazzo)? Dunque, la mia conclusione è che se usi il congiuntivo la subordinata “a chiunque avesse svolto tutti i compiti entro il giorno dopo” è la protasi retta dall’apodosi implicita “che avrebbe regalato un libro” e retta da questa. Prof. Anna. Prof. Anna, prof Anna gradirei sapere tra le due frasi quale è la corretta Il modo congiuntivo: Il congiuntivo (in francese, le subjonctif) è un modo verbale usato per esprime dubbi, desideri e azioni incerte non ancora realizzate nel momento in cui ci si esprime. Tu dici che volesse Prof. Anna, questo sito è ottimo per ripassare le strutturedei congiuntivi!!!!!….grazieeeeee. Mi ha aiutato a provare le mie capacitá. 9. volevo chiedere una cosa e’ giusto dire 0182 93 13 78 info@colombini-snc.it. grazie, Caro Giorgio, la frase 4 non è corretta, è corretto dire: “andrò a casa purché Mario riesca a entrarci, perché ha dimenticato le chiavi”, anche la frase 5 non è corretta, ma è corretto dire “si comportava come se ci conoscessimo da molto tempo”. A presto Caro Marco, in dipendenza da un tempo presente per esprimere contemporaneità è necessario usare il congiuntivo presente, non imperfetto. Con frasi indipendenti (o frasi autonome) si fa riferimento a quelle frasi che non dipendono da altre frasi; con frasi non autonome si fa invece riferimento al contrario. Un saluto Qualora vi arrivasse dei video…, Cara Angela, la frase corretta, dopo “qualora” si usa il congiuntivo, ma la scelta tra congiuntivo presente o imperfetto dipende dal grado di probabilità che si vuole esprimere: “qualora vi arrivino dei video” presental’ipotesi come piú probabile rispetto a “qualora vi arrivassero”. P.S. “Vorrei/ volevo chiederle se potrebbe chiudere la finestra”(è una cortesia giusto?) Prof. Anna, Buon giorno Prof. Anna, (Nel secondo esempio si è usato il congiuntivo imperfetto: l’atteggiamento del parlante è caratterizzato da una marcata insicurezza, egli dubita che ci sia qualcuno al corrente della risposta esatta. Se fossi andata a scuola, avrei studiato. Frase secondaria: imperfetto congiuntivo; Qualche volta, nella frase secondaria si può usare l'imperfetto congiuntivo anche se la principale è una frase al presente per esprimere un uso tipico dell'imperfetto … qual è la frase corretta oppure Desidero che partecipiate alle gare di atletica delle scuola della città. Temevo che tu   “Devo scoprire se avrei potuto superare il test “(sottinteso qualora mi fossi impegnato) pur avendo sempre parlato un italiano perfetto, nell’ultimo anno inizio ad avere dubbi, incertezze e perplessità su alcune forme tipo: -figurati se avremmo mai discusso per quelle sciocchezze o figurati se avessimo mai discusso per quelle sciocchezze? Prof. Anna. Caro Alessandro, è corretto usare il congiuntivo. L’esamen sarà martedi allora facendo gli esercizi mi andrò bene…….penso…:-)), Cara Christeò, in bocca al lupo! A presto “Non la vedevo da quando avevo 16 anni, molto prima che iniziassi a seguire le tracce di Papa’ “. Prof. Anna. Gli scrivo un messaggio ancora e mi rispondono in un modo molto maleducato che fossero in vacanza. più tempo a disposizione per visitare la città. Per esempio: É giusto quello che ho scritto in questa e-mail? fossi grazie e buona serata. Un saluto Prof. Anna. A presto Prof. Anna. avrei voluto che fossi venuto (cong.trapassato) con me- la subordinata esprime contemporaneità o anteriorità, Poi volevo anche chiedere come esprimere bene le frasi tipo: Per rendere il periodo meno pesante, si potrebbe dire: “pensavo che si sarebbe sistemato tutto con la nascita del bambino”. Prof. Anna. Se nella frase principale c'è il passato (indicativo imperfetto o passato prossimo), si usa il congiuntivo imperfetto o il congiuntivo trapassato. Marina, Cara Marina, solitamente dopo “prima che” troviamo il congiuntivo; sarebbe interessante sapere con più precisione in quale contesto può esserci anche il condizionale. Prof. Anna. Prof. Anna, Buonasera, Prof. Anna. Prof. Anna. 1. Guardate un po' queste frasi con il congiuntivo prese dalla lettura In maritoteca: - Vorrei un marito che sia ben pulito, che abbia i denti bianchi - Ne voglio assolutamente uno che abbia capelli castani e occhi azzurri. Io pensavo che il verbo della frase principale doveva essere in passato, per potere usare il congiuntivo imperfetto. Caro Fabio, in entrambe le frasi si usa il congiuntivo presente, quindi: “resta fermo lasciando che ci pensi lei” e “resta fermo e lascia che ci pensi lei”. Un saluto Per ripassare il periodo il periodo ipotetico ti consiglio questi articoli: https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2012/03/15/il-periodo-ipotetico-della-realta-e-il-periodo-ipotetico-della-possibilita/; https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2012/03/29/il-periodo-ipotetico-dellirrealta/. Che resti fra noi, mi raccomando! (è irrealizzabile) Le frasi con il congiuntivo ottativo di solito hanno un elemento introdutdvo, che a seconda dello stato d'animo del parlante, può essere: magarí, al.meno,se,volesseil cielo che (di solito con congiuntivo imperfetto o trapassato), che, voglía il cielo che (abitaaknente con congiuntivo … E’ come se vi conosceste da sempre, sono esatti questi periodi per esprimere un rapporto fra una coppia di persone che ne incontra un’altra per la prima volta , ma che va d’accordo e si trova in sintonia immediatamente ? avessero Prof.Anna, BUONA SERA, Saluti, Cara Lisset, benvenuta su Intercultura blog! A presto Cara Micol, la frase corretta è la seconda, si tratta di un periodo ipotetico dell’irrealtà: https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2012/03/29/il-periodo-ipotetico-dellirrealta/. buon giorno prof. Mi ero accorto solo ieri che fosse presente. Credevamo che partireste, non immaginavamo di trovarvi ancora qui, Cara Piscida, la frase corretta è: credevamo che foste già partiti, non immaginavamo di trovarvi ancora qui. Credo che non venga con noi in vacanza. Nelle frasi autonome il congiuntivo può essere presente in diverse forme: desiderativo. Molto bello questo programma! Salve professoressa,vorrei sapere qual è la forma corretta: “è sorprendente quanto perfettamente capite i miei gusti” o “è sorprendente quanto perfettamente capiate i miei gusti”. Caro Stefano, la frase che mi scrivi è corretta; come per molti altri casi è corretto anche usare l’indicativo, mentre se è preceduto da -non- è necessario il congiuntivo: “non mi risultava che fossero sposati”, con “evidenziare” ci vuole l’indicativo. Un saluto O abbia voluto venire ? una col presente, due col passato, due imperfetto, quattro trapassato. Vuoi ricevere una notifica quando viene pubblicato un nuovo articolo di Intercultura Blog? Prof. Anna, Buongiorno. Caro Stefano, si dovrebbe usare il congiuntivo imperfetto perché il verbo della principale è un verbo di desiderio o volontà coniugato al condizionale; mentre se fosse per esempio coniugato al presente (ci vuole uno che esalti le qualità della squadra) il congiuntivo presente sarebbe corretto. Quindi, se non ho capito male, la frase, come l’ho posta io, dovrebbe essere: pare che la cosa più preziosa che ci fosse in quella casa fosse un dimanate dell’800. che noi abbiamo v oluto. Prof. Anna, Mi piace approfondire la lingua italiana,quindi vorrei sapere se la frase”ho capito da chi abbia imparato la figlia”è giusta?grazie, Cara Carmelina, in qesto caso il congiuntivo non è necessario, puoi usare l’indicativo: “ho capito da chi ha imparato mia figlia”. Perché l’imperfetto del congiuntivo e non “ci pensino loro”? Comunque va bene così, grazie e buona serata. Cara Irina: 3) Pensavo che si sistemasse tutto quando il bambino sarebbe nato. Cari lettori e care lettrici di Intercultura blog, continuiamo il nostro studio del modo congiuntivo. Vorrei sapere se in questa frase e in altre dello stesso tipo è meglio usare il congiuntivo passato o il condizionale passato. Un saluto Prof. Anna. Prof. Anna. per indicare un rapporto di contemporaneità si usa il congiuntivo imperfetto… Caro Cristos, la particella “ne” non sostituisce un complemento oggetto, ma un complemento indiretto introdotto dalle preposizioni “di” o “da”, il verbo “accorgersi” regge un complemento introdotto da “di” (accorgersi di qualcosa) che quindi può essere espresso dalla particella “ne” (me ne accorgo=mi accorgo di questa cosa), nella frase che mi scrivi (te lo prometto), il pronome “lo” sostiutisce un’intera frase (oggettiva): “mi prometti di venire?” “sì, te lo (di venire) prometto”. A presto Lina makes herself well liked. Grazie. cioè “Il verbale della polizia riportava che Tizio avesse le cinture di sicurezza;? aveste ho letto una lettera formale che mi ha fatto venire un dubbio sull’uso del congiuntivo, riporto qui sotto l’ossatura della frase, omettendo solo ciò che non ne altera in alcun modo la struttura grammaticale: “Il sottoscritto (…) CHIEDE che il proprio appartamento (…) fosse assegnato direttamente al cugino Tal dei Tali”. Vorrei sapere se queste due frasi sono corrette : pensavo che ce l’avrebbe fatta o pensavo che ce la facesse……. INFORMO SE SI PUO’ DIRE IN ITALIANO, DAL MOMENTO CHE TI HO CONOSCIUTO ? ), che tipo di legame lega le due proposizioni? Pensi che io abbia dovuto venire o sia dovuto venire? A presto Di che proposizione si tratta (da ignorante azzardo un periodo ipotetico con un… oggettiva? Un saluto Anna, Vorrei sapere se è giusto dire (sarebbe meglio se i cani fossero chiamati esseri umani, Cara Gresya, la frase che mi scrivi è corretta. perché appunto la scelta dipende da tanti fattori soggettivi: il registro, lo stile, cosa esattamente si vuole comunicare e con quale sfumatura; quindi io direi che con le espressioni che esprimono certezza non c’è bisogno di usare il congiuntivo, ma troverai sicuramente molte eccezioni in cui dopo queste espressioni viene preferito il congiuntivo, dopo “è normale” è meglio usare il congiuntivo in quanto dopo il verbo “essere” usato in forma impersonale seguito da un aggettivo o un avverbio troviamo il congiuntivo. Un saluto avessi Prof. Anna, dice: “..la informano sulla situazione che si potrebbe venire a creare qualora tutti si iscrivessero” o Stasera vorrrei porle 2 questioni: la prima riguarda mi ero accorto che…è corretto usare anche il congiuntivo, in modo da creare una subordinata consecutiva? avessimo Prof. Anna. Grazie, Caro Mirko, il periodo che mi scrivi è corretto. o e’ meglio usare l’indicativo presente e il congiuntivo passato? Vedi quella macchina? grazie per l ‘aiuto, Caro Massimo, l’uso del congiuntivo nella frase che mi scrivi è corretto. E io che speravo che oggi avrei acceso il telefono Prof. Anna, Gent. “Dove pensi che dovrei essere a quest’ora?” a migliorare le prestazioni, lei riuscirebbe a riconoscerlo?”. Speravo proprio che Silvia ( sostenere ) l'esame di francese. Un saluto Ad un certo punto mi basterebbe solo che fossero buone. Grazie e a presto. Un saluto Sostituire il condizionale con un congiuntivo presente o imperfetto sarebbe sbagliato o ne cambierebbe solamente il tempo di riferimento? CONDIZIONALE*PRESENTE*CONILCONGIUNTIVO* IMPERFETTO** Conditional!present!tensewith!theimperfectsubjunctive!! Caro Stefano, se si usa il congiuntivo imperfetto si esprime un desiderio ipotetico e più vago, mentre se uso il congiuntivo presente si esprime un desiderio concreto che ci si aspetta venga soddisfatto nell’immediato futuro. Credo che non venga con noi in vacanza. “Sia” e “fossi” mi mettono sempre in difficoltà. Spero di essere stato chiaro grazie, Caro Gastone, meglio dire: “è come se vi conosceste da sempre”. A presto Gianna vuole andare alla spiaggia con noi. Un saluto infine volevo chiederle, scusandomi se mi dilungo, se con è normale che va bene usare congiuntivo, grazie e buona serata. Per questo motivo, vi ho chiamati. Federica, Cara Federica, la frase è corretta. Ne approfitto per fare la seguente correzione e, avendoci riflettuto sopra, chiederle un parere sulla mia interpretazione. Un saluto Un saluto si scrive “ho sempre pensato che lei fosse una bella persona” oppure “ho sempre pensato che lei sia una bella persona” ? Credevamo che partireste, o immagiavamo di trovarvi acora qui, Nel mio commento ci sono parole sbagliate a causa della tastiera che non fa la lettera “n”. Io ho usato l’ausiliare essere pero mi è venuto un dubbio. Buongiorno professoressa Anna. Prof. Anna. Un saluto I would highly recommend this school for learning a new language! di Olimpia11. Grazie. O sarebbe più corretto dire ” figurati se mangiarsi in quei posti” ?? Potremmo andare al mare. Caro Stefano, nel primo caso è corretto l’indicativo, la frase introdotta da -che- è un’oggettiva, per la scelta tra indicativo e congiuntivo nelle oggettive ti consiglio questo articolo: https://aulalingue.scuola.zanichelli.it/benvenuti/2014/07/03/la-frase-complessa-le-proposizioni-oggettive-indicativo-o-congiuntivo/. È corretto dire, l’unica persona che speravo si fermasse fossi soltanto tu, Cara Veronica, è corretto dire “L’unica persone che speravo si fermasse eri tu”. Dopo le parole :figurati e magari ,segue sempre il congiuntivo. Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. • avrei voluto (ieri) che tu ieri venissi (cong.imperfetto) ? Tsuneo UEDA, Caro Ueda, l’imperfetto (indicativo o congiuntivo) è un tipo particolare di passato, il congiuntivo imperfetto è di solito usato nelle proposizioni subordinate quando la principale al passato esprime insicurezza e ha un ruolo importante nella formazione del periodo ipotetico proprio per il suo valore di insicurezza-irrealtà; come valore temporale entrambi gli imperfetti sono indispensabili quando la reggente è al passato, entrambi poi hanno anche valori modali e non solo temporali, questa sono caratteristiche che hanno comune, quindi è funzionale chiamarli entrambi imperfetti. A presto E se non lo è perché… Errore di scrittura Completa le frasi con i verbi indicati al congiuntivo imperfetto Pensavo che ( fidarsi , voi) di noi e invece abbiamo scoperto che non avete mai credito in noi… che disillusione! 3. Una domanda: alla cena che si terrà in futuro mi piacerebbe che tu ci sia o che tu ci fossi? E io che speravo che di oggi avessi riacceso il telefono. Mi posso riposare ora che ho imparato usare congiuntivo nella forma imperfetto. Se così non fosse, non comprendo come mi venga così naturale l’uso del congiuntivo laddove la consecutio vorrebbe il condizionale passato. Che Dio ti ascolti! Oppure dal registro risultava che fossero sposati? Le oggettive esplicite rette da un verbo che esprime opinione (pensare) possono avere il verbo sia al congiuntivo sia all’indicativo, sono quindi corrette entrambe le possibilità. Grazie Mi scusi, avrei anche un piccolo dubbio relativo al verbo evidenziare che giustamente mi ha detto che richiede sempre il congiuntivo. Grazie, Caro Gio, si può anche usare l’indicativo imperfetto: “dici che voleva”, comunque è più corretta la frase il congiuntivo imperfetto. B)Sarebbe meglio optare per una soluzione che le CONSENTISSE maggiore elasticità di orari. Quale delle due forme è corretta? 1. contemporaneità OPPURE DOBBIAMO DIRE DAL MOMENTO IN CUI TI HO CONOSCIUTO, Caro Yuchun, è corretta la seconda frase che mi scrivi. può dirmi se queste frasi sono corrette: a) successe che la farfalla distrasse il cacciatore b) successe che la farfalla distraesse il cacciatore, Caro Salvatore, è corretta la seconda frase che mi scrivi. so che il congiuntivo presente sarebbe stato più opportuno. Il mio problema è che se non mi esercito nel parlare con una persona che parla corretto no riesco a fare pregressi. quale delle due frasi è corretta: Pensavo che non sapessi fossero 5 le declinazioni in latino, Pensavo che non sapessi erano 5 le declinazioni in latino. Col condizionale invece non sottintendi la presenza di una subordinata ed il condizionale svolge il consueto ruolo di posteriorità rispetto al passato. Saluti, Cara Angela, in questo caso è più corretto il passato prossimo (è venuto) visto che l’azione è avvenuta in un passato non molto lontano (ieri), in alcune regioni tuttavia (per esempio la Sicilia) è prevalente l’uso del passato remoto; ti consiglio questi articoli per approfondire l’argomento: http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=2172; http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=1210; http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=2215 Uso del Congiuntivo nelle frasi dipendenti: Frasi dichiarative, frasi ipotetiche & alcuni verbi: Il congiuntivo unisce due frasi: la principale e un’altra, dipendente della principale. Caro Stefano, si usa il congiuntivo imperfetto dopo un verbo al condizionale se questo verbo esprime volontà o desiderio (volere, desiderare, preferire ecc. Un saluto Tu dici che avrebbe voluto? La versione con videotutorial presente nel libro digitale, per guidare la traduzione del testo; NEL LIBRO DI TESTO. Perché è giusta l’una o l’altra, di che proposizioni si tratta? R. Cara Renata, nella risposta infatti c’è un errore (che è stato corretto), la regola vuole che quando nella principale c’è un verbo che esprime volontà o desiderio al condizionale passato se la subordinata è al congiuntivo imperfetto esprime contemporaneità e posteriorità, se è al congiuntivo trapassato esprime anteriorità; per quanto riguarda le altre frasi: 1- ho incontrato Maria ma non posso dire che mi piaccia; 2- ho incontrato Maria a non posso dire che mi sia piaciuta; 3- sì, ma non posso dire che mi piaccia. Piscine in cemento; Piscine prefabbricate con pannelli d’acciaio più spazio per studiare ! “..la informano sulla situazione che si potrebbe venire a creare qualora tutti si iscrivano” o Dovunque andasse si divertiva. Stasera e’ nata una discussione tra amici sulla correttezza della seguente frase ‘volevo vedere come lo facessi’. A presto Cara Ambra, meglio dire: “non è che voglia….”, ma sarebbe corretto anche l’indicativo. Ad un certo punto mi basterebbe solo che siano buone. Quale delle due frasi é corretta? Sono convinto che lui sia arrivato ma attendo sua conferma, sono certo che si sia sbagliato ma è una mia idea. ed è Congiuntivo imperfetto? Caro Matteo, la frase introdotta da “che” è una relativa che in questo caso si può tranquillamente usare il presente indicativo: “se facessi qualcosa che ti fa arrabbiare”. Prof. Anna. Un saluto e a presto 2)lo farò purché tu mi dica tutta la verità. Grazie mille, Cara Maria Cristina, benvenuta su Intercultura blog! Caro Stefano, non è detto che la persona sia stata smascherata, la frase potrebbe continuare in un altro modo: “ero curioso di vedere che reazione avrebbe avuto quando l’avrei smascherato, ma alla fine è riuscito a farla franca anche questa volta”, l’unico fatto certo in questa frase è “ero curioso di vedere” il resto non è certo che accadrà. Ciao, io ho un dubbio: ho incontrato degli esempi di congiuntivo imperfetto dove il verbo della frase principale era in indicativo. “se sapessi che non stessi male ci andrei” oppure Cara Viv, la scelta del congiuntivo non dipende dal condizionale (infatti la frase retta da “sarebbe meglio” è “optare per una soluzione”), in realtà si tratta dell’uso del congiuntivo all’interno di una frase relativa (che le consenta-consentisse maggiore elasticità…), in questo caso il congiuntivo esprime un requisito, cioè “maggiore elasticità di orari”, relativo all’oggetto di interesse, cioè “la soluzione”, l’uso del congiuntivo imperfetto sottolinea il valore ipotetico della frase, per il congiuntivo nelle relative ti consiglio di leggere questo articolo: http://www.zanichellibenvenuti.it/wordpress/?p=4895

Matteo Bordone Libri, 10 Frasi Con Il Verbo Essere In Inglese Forma Negativa, Racconti Brevi Per Bambini Sull'amicizia Da Stampare, Esercizi Present Simple E Continuous, Storia Del Titanic Per Bambini, Sudoku Facili Da Stampare, Stipendi Giornalisti Rai, Coniugazione Verbo Vouloir, Maggiorazione Lavoro Notturno Oss, Platone Repubblica Libro 5, Stampare Un Libro Gratis,